lunedì 6 gennaio 2014

CCB, IL CONTENITORE DI CULTURA


Immagina se l'arte, la cultura e compagnia bella si misurassero in metri cubi, come l'acqua: quanta ce ne vuole per riempire un enorme complesso come quello che si staglia a Belém? Tanta, tantissima! Eppure ci sono riusciti, e oltre all'arte e alla cultura sono riusciti a ficcarci pure la gastronomia, lo shopping e altre cosucce. Quindi per favore smetti di ingozzarti di pastéis de Belém e seguimi per qualche centinaio di metri fino al Centro Cultural de Belém.

Il giovane ha vent'anni compiuti proprio l'estate scorsa. Era l'ahimé lontano 1993 quando, fra mille polemiche, veniva inaugurato questo bel pezzo di marcantonio dell'architettura contemporanea mondiale. Siccome ci sono sempre i bastian contrari, anche allora i soliti scassaminchia dicevano che era un sacrilegio contrapporre alle volute arabescheggianti del vicinissimo Mosteiro dos Jerónimos le forme ruvide e squadrate del neonato polo di arti contemporanee. Per certa gente, come fai sbagli. A vent'anni di distanza però più nessuno si azzarda a dire che il CCB è un mostro, un fallimento, soldi buttati (quasi nessuno: un paio di anni fa un italiano a forma di tricheco che trincava su una poltrona del bar del Centro con alcuni suoi amici criticava rumorosamente il complesso e Vittorio Gregotti, l'archistar che con Manuel Salgado ne firmò il progetto. Brutta cosa l'invidia).

Sicuramente non ne parlo male io, che ho passato pomeriggi interi seduto a leggere o a scrivere su uno dei tavolini del bar Terraço, lo spazio foderato di boiserie di ciliegio con una stupefacente vetrata con terrazzo e vista sul Tago. All'epoca, quando c'erano più soldi, ogni pomeriggio dalle cinque alle sette c'era pure un concerto gratuito di musica jazz, classica, etnica o altro. Però anche adesso, pur con la crisi galoppante e senza musica, il bar Terraço continua a essere un bel posticino. Che fa il paio con gli altri bar e il ristorante Jardim das Oliveiras, dotato -anche lui!- di un enorme terrazzo con un piccolo uliveto, da cui il nome, affacciato verso il fiume.

Ma naturalmente questo è solo un assaggio: appena arrivi al CCB ti danno il benvenuto alcuni negozi di arte e design che ti accompagnano alla biglietteria e quindi ai due auditorium, il Grande e il Pequeno, che hanno un fittissimo programma di musica, danza e teatro, praticamente ogni giorno uno spettacolo. Volendo, puoi dirottare verso la fornitissima biblioteca ed emeroteca con sala di lettura. Andando avanti, nel corpo posteriore, dopo aver superato un altro bar e una libreria della catena Bertrand, si fa un tuffo nell'arte contemporanea nel Museu Colecção Berardo, che sui suoi tre livelli propone esposizioni temporanee e la permanente che ospita opere dei più eminenti artisti del XX e XXI secolo, da Fontana a Bacon, da Jeff Koons (l'ex marito di Cicciolina, per chi non s'intende d'arte) alla superstar locale Joana Vasconcelos.

Come arrivare al CCB? Naturalmente puoi scegliere tra un ampio ventaglio di possibilità. Mezzi pubblici? Il tram 15 ferma proprio lì davanti, ma esistono anche altre linee di autobus o addirittura il treno suburbano per Cascais (in quel caso però devi farti una passeggiata di qualche minuto). In auto? Approfitta dell'enorme parcheggio sotterraneo del CCB. Forse è meglio, così non hai la scusa per fermarti qualche centinaio di metri prima e ingozzarti di pastarelle. Come al solito.

10 commenti:

  1. A me mi è sempre piaciuto. Anche se forse leggermente spostato di una cinquantina di metri verso la sinistra del monastero (guardandolo in faccia) sarebbe stato meglio...:-) Mi è piaciuto il suo aspetto moderno ma antichissimo di palazzo babilonese con "giardini sospesi"... Non ho seguito la sua costruzione perché ero già da ben 5 anni fuori del paese in un angolino del nord Europa...Il problema dei "scazzaminchia" vien notato già nel cinquecento: il famoso vecchio del Restelo di Camoniana memoria (anche se nel caso erano parecchi i nuovi- vecchi)...

    Non c'entra niente con questo post ma quest'anno abbiamo visitato il "palazzo principesco" o ambasciata nel Principe Real... bello non c'è dubbio ma devo dire che i negozi erano un tantino costosi... ;-) C'era una bellissima "guitarra portuguesa" nera con sobri incastri di gioielleria di argento portoghese che mi dava la voglia di essere più musicista di quello che sono (cioè nulla!) per potere fare la follia di comprarla... :-D

    l'anonimo R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi è il vecchio del Restelo di Camoniana memoria? Dimmi, dimmi, che non ne so niente!

      Elimina
    2. È il vecchio che urlava alle navi in partenza da Belém di non partire per le Indie per colmare il desiderio di potere e ricchezza della Patria. Era anche la mentalità conservatrice che preferiva il mondo feudale e agricolo a quello imperialista.
      Oggi designa una persona pessimista e/o appunto conservatrice.
      Saramago ha scritto anche il discorso del tal vecchio all'astronauta, rileggendo quindi tale figura in chiave moderna...

      Elimina
    3. Elle, non è giusto, mi fai fare la figura dell'ignorante! :-D

      Elimina
    4. Questa che Saramago aveva riproposto il discorso in chiave moderna non lo sapevo... :-)

      Sono pochi quelli che conoscono i Lusíadas al di fuori del Portogallo e perciò non hai fatto più figura di ignorante che se mi avessi chiesto qualcosa di più specifico dei scritti di Petrarca o Dante... Forse mi sono fatto prendere la mano... :-)

      Anonimo R.

      Elimina
  2. E' un personaggio dei "Lusiadas" che simboleggiava il pessimismo.
    G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, anonimo. Ti prometto che studierò anche questa!

      Elimina
  3. A me piace soprattutto l'offerta culturale del CCB, specialmente quella musicale. Ho visto concertoni per pochi euro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, come nei dias da musica, in primavera: concerti a due o tre euro. Solo a Lisbona! Un ulteriore motivo per amarla.

      Elimina